Un’ora di tranquillità

Un’ora di tranquillità

Sabato 3 Febbraio 2018, ore 20:45

Durata:  1 ora e 40 minuti

Ore 20.00, al Ridotto del Teatro:
Conversazioni sullo spettacolo con storie, aneddoti e curiosità con Simone Azzoni, giornalista del quotidiano L’Arena.

Valerio Santoro presenta una produzione Pirandelliana

Massimo Ghini

di  Florian Zeller

Con:  Claudio Bigagli, Massimo Ciavarro, Alessandro Giuggioli, Galatea Ranzi, Luca Scapparone, Marta Zoffoli

Regia:  Massimo Ghini

Scene:  Roberto Crea

Costumi:  Silvia Frattolillo

Luci:  Marco Palmieri

Massimo Ghini ha deciso di misurarsi con la travolgente comicità di un testo mai rappresentato in Italia, scritto da uno dei più apprezzati drammaturghi francesi contemporanei.
Un’ora di tranquillità è una commedia moderna, brillante e divertente grazie al meccanismo del vaudeville giocato tra equivoci e battute esilaranti, è una macchina drammaturgicamente perfetta. In Francia, patria del suo geniale scrittore, ha riscosso un grandissimo successo teatrale ed è stata definita una spassosa, intelligente e geniale operazione da non perdere.
Il protagonista è un uomo che cerca disperatamente un momento di solitudine e serenità. È riuscito a rintracciare e acquistare un vecchio disco in vinile da un rigattiere e cerca di trovare “un’ora di tranquillità” per potersi dedicare al prezioso cimelio. Ma una serie di eventi e personaggi lo interrompono e, come afferma lo stesso Ghini, “andrà incontro a uno tsunami che lo travolgerà. Onda anomala composta da una serie di persone, di affetti, di sconosciuti che scaricheranno su di lui le loro nevrosi, spinti, a loro pensare, da un senso di giustizia che vorrebbe riparare al male fatto. La meravigliosa doppiezza dei protagonisti fa sì che qualunque opera riparatrice essi vogliano compiere, si trasformerà in tortura”.